Il sito utilizza cookie di prima parte solo tecnici. Tramite il sito sono installati cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione l'utente accetta l'utilizzo di suddetti cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.

OK

Anoressia: una malattia della mente

Anoressia: una malattia della mente
L'anoressia (dal greco anorexía, composto da an- privativo e órexis "appetito": "senza appetito") è un disturbo che consiste in un rifiuto del cibo; non è una malattia del corpo, è una malattia della mente.

Il cibo non è per le anoressiche affatto negativo come cosa in sé, [...] ma è amabile, desiderabile, interessante, importante, continuamente presente allo spirito [...]. È l'atto di cibarsi che è divenuto pericoloso e angoscioso. Nessuna azione, neppure un delitto, assume per l'anoressica un significato di autodegradazione e sconfitta quanto il satollarsi.
Mara Selvini Palazzoli, L'anoressia mentale, 1981

Le caratteristiche essenziali dell' Anoressia Nervosa sono 3:
1) persistente restrizione dell'assunzione di calorie tanto da portare la persona ad avere un peso corporeo significativamente basso (inferiore al minimo normale) in riferimento all'età, al sesso e alla traiettoria di sviluppo della persona. Metodi: diete molto restrittive;
vomito autoindotto subito dopo aver mangiato; eccessivo uso di lassativi, pillole dimagranti o diuretici; eccessivo esercizio fisico; vegetarianismo estremo; comportamenti rituali protettivi;
evitamento di qualsiasi contatto sociale che includa il cibo e che mini la capacità a resistere al cibo; eccessive pressioni sui familiari su come fare la spesa e cosa comprare;
2) intensa paura di diventare grassi o di aumentare di peso;
3) significativa alterazione della percezione di sé relativa al peso e alla forma del corpo. Alcuni si sentono in sovrappeso, altri ammettono di essere magri ma sono convinti che certe parti del corpo come l'addome, i glutei o le cosce siano troppo grasse. La perdita di peso è vista come una conquista e un segno di straordinaria autodisciplina, mentre l'aumento di peso è visto come una mancanza di autocontrollo.

Spesso non riconoscono le gravi implicazioni mediche del loro stato di malnutrizione:
- complicanze cardio-vascolari: riduzione frequenza del battito cardiaco e abbassamento della pressione arteriosa, riduzione dei livelli di potassio e sodio nel sangue. 
anemia e carenza di globuli bianchi (leucopenia) 
- complicanze gastro-intestinali: rallentamento della funzione digestiva con presenza di gonfiori, dolori, sensazioni fastidiose e stipsi. 
- complicanze a livello osseo: osteoporosi che è dovuta alla scomparsa del ciclo mestruale. 
- complicanze a livello neurologico: pseudoatrofia cerebrale e l'allargamento dei ventricoli. 
- complicanze dermatologiche: comparsa di un colorito giallastro delle estremità legato all'aumentato deposito cutaneo di carotenoidi, dall'aumento della peluria (detta lanugo), pelle secca e disidratata, perdita dei capelli. Nelle persone che si procurano il vomito si possono produrre delle caratteristiche abrasioni, piccole lesioni e/o callosità sul dorso delle mani.

Contattami senza impegno

via V. Gioberti 34 - 50121 Firenze
info@micaelapivamerli.it
055 662015 - 3391157725

Prendi un appuntamento!

Fa' una prenotazione con il form o chiama direttamente ai numeri che vedi sopra
Accetto le condizioni per la privacy