Il sito utilizza cookie di prima parte solo tecnici. Tramite il sito sono installati cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione l'utente accetta l'utilizzo di suddetti cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.

OK

Disturbo Depressivo Persistente

Disturbo Depressivo Persistente
La persona con disturbo depressivo persistente è depressa quasi tutti i giorni da almeno 2 anni.
I sintomi compaiono in modo graduale, spesso durante l'adolescenza, e possono durare anni. La quantità di sintomi presenti contemporaneamente è variabile, e spesso essi sono meno gravi di quelli della depressione maggiore.

Nelle depressioni a decorso protratto prevalgono l'ansia, le somatizzazioni, l'astenia, le difficoltà di concentrazione, la riduzione degli interessi, i sentimenti di insicurezza e inadeguatezza, la tendenza alle ruminazioni e all'ipervalutazione dell'esperienza depressiva. 
Spesso queste persone appaiono dubbiose, esitanti, indecise ed incerte di fronte ad ogni scelta; in alcuni casi risultano totalmente inconcludenti, in altri si applicano con grande difficoltà superando impegni minori. In certe persone, tuttavia, l'umore depresso e la coartazione degli interessi non impediscono una costante e rigorosa dedizione all'attività lavorativa che viene, peraltro, esplicata con risultati soddisfacenti. 
Le caratteristiche come il rallentamento motorio, l'alternanza diurna, la riduzione dell'appetito e della libido, pur presenti nelle fasi iniziali, si attenuano con il protrarsi del disturbo. 
Non sono rari i casi in cui dopo una fase acuta di malattia, persistono sintomi residui come difficoltà di concentrazione, labilità emotiva, ipersensibilità alle frustrazioni ed agli eventi negativi e spesso tale sintomatologia attenuata si traduce in difficoltà sul piano dell'adattamento sociale e lavorativo.
Nella depressione persistente gli eventi esistenziali con intenso coinvolgimento emozionale, occorsi prima dell'esordio della malattia, risultano avere frequenza analoga a quella riscontrata in altre forme depressive. 
La letteratura riporta che nel decorso del disturbo depressivo persistente si verificano un numero maggiore di eventi e di conflittualità, sia con i familiari sia sul piano sociale e lavorativo, che potrebbero rivestire una certa importanza nel persistere della sintomatologia. Tuttavia è anche vero che il protrarsi della depressione potrebbe contribuire sia ad incrementare le situazioni conflittuali e la probabilità di accadimenti negativi, sia a limitare l'obiettività nella valutazione degli eventi mediante la distorsione dei ricordi e dei vissuti ad essi legati. 
Il decorso protratto favorisce l'adozione di specifiche modalità cognitive che determinano una percezione negativa di sé e degli avvenimenti. La tendenza ad amplificare i propri disturbi e la spiccata sensibilità agli eventi si acuiscono con la cronicizzazione dei sentimenti di insicurezza e di autosvalutazione.

Contattami senza impegno

via V. Gioberti 34 - 50121 Firenze
info@micaelapivamerli.it
055 662015 - 3391157725

Prendi un appuntamento!

Fa' una prenotazione con il form o chiama direttamente ai numeri che vedi sopra
Accetto le condizioni per la privacy