Il sito utilizza cookie di prima parte solo tecnici. Tramite il sito sono installati cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione l'utente accetta l'utilizzo di suddetti cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.

OK

L'ESPERIENZA DEPRESSIVA

L'ESPERIENZA DEPRESSIVA
La patologia depressiva provoca esperienze dolorosissime, incomprensibili per chi non le ha provate e per le persone che non ne hanno consuetudine professionale. 
Tale impossibilità di essere compreso nella profondità del proprio dolore accentua il senso di pena e di estraneità di chi soffre di depressione: consigli ed incoraggiamenti da parte di coloro che gli stanno intorno, ed ancor più gli inviti a reagire non hanno altro effetto che quello di aumentare la solitudine, la disperazione e la responsabilizzazione per qualcosa su cui il malato non ha alcun controllo. 
La depressione patologica è enorme, non paragonabile con la tristezza normale. Non è valutabile attraverso il metro degli stati d'animo interni di chi non l'ha provata ed è inaccessibile ad ogni tentativo di controllo da parte del malato. 
Il depresso avverte spesso come estremamente angosciosa la distanza tra l'esperienza interiore di povertà affettiva, rallentamento e arresto del fluire della vita, e la percezione di un mondo esterno ricco, vitale, inafferrabile e perduto di cui può essere solo spettatore. La sensazione di perdita di energie e vitalità, la percezione di confusione mentale, di incapacità a concentrarsi, prendere decisioni possono variare di intensità, ma rappresentano un sottofondo costante. 
Si sviluppano paure alimentate dall'incapacità di controllare e arginare il flusso dei pensieri che tende a sopraffare il malato. La giornata che inizia porta con sé ansia e l'intollerabile peso delle attività da compiere, a cominciare dal lavarsi e vestirsi. Come è possibile trovare la forza per compiere queste azioni quando tutto appare svuotato e privo di senso?
Le conseguenze sulla vita del paziente e dei familiari sono estremamente dolose, ostaggi di una rete aggrovigliata di sentimenti di colpa, impotenza, rabbia e insofferenza.

Contattami senza impegno

via V. Gioberti 34 - 50121 Firenze
info@micaelapivamerli.it
055 662015 - 3391157725

Prendi un appuntamento!

Fa' una prenotazione con il form o chiama direttamente ai numeri che vedi sopra
Accetto le condizioni per la privacy